Box doccia e vetri con trattamento anticalcare: di che si tratta?

Il bagno, diventato ormai un vero e proprio spazio living e non più un semplice locale di servizio, è una delle stanze della casa in cui è necessario prestare maggior attenzione alla pulizie e all’igiene. Possiamo utilizzare prodotti specifici per mantenere splendenti sanitari, specchi e complementi d’arredo ma, dove scorre l’acqua, c’è sempre un nemico in agguato: il calcare.

Il problema del calcare è molto evidente nel box doccia e, purtroppo, a volte l’olio di gomito non basta. Il calcare nella doccia spesso si forma sulle rubinetterie e ancor più spesso sulle pareti del box. Il risultato? Un’antiestetica patina opaca che sa tanto di sporco. La manutenzione della doccia, insomma, è sempre d’obbligo.

In commercio esistono molti prodotti anticalcare da utilizzare per intervenire sulle macchie e tentare di prevenire la loro formazione. Si tratta di prodotti di applicare con frequenza, spesso costosi, che non sempre assicurano però il risultato sperato.

Proprio per tentare di intervenire sul calcare in maniera più radicale, oltre ai classici prodotti, sempre più persone ricorrono ai vetri doccia sottoposti già in fase di produzione a specifici trattamenti anticalcare: si tratta speciali lavorazioni che sono in grado di rendere - già in partenza - il vetro doccia più resistente all’aggressione del calcare. Scopriamo di che si tratta.

 

Vetro doccia anticalcare: cos’è e come funziona

Sul mercato sono presenti diversi trattamenti anticalcare, tutti con differenti nomi commerciali ma con un unico scopo: oltre a pulire e igienizzare il box doccia tenendo lontani i batteri, rendono i vetri meno permeabili al calcare e alle macchie che genera.

I trattamenti anticalcare per il vetro doccia è finalizzato proprio a garantire una maggiore pulizia del box doccia, mantenendolo brillante a lungo e maggiormente impermeabile all’acqua, principale causa del calcare.

Il trattamento per il vetro anticalcare, o vetro anticorrosione, è una soluzione per risolvere il problema alla sua origine, evitando di ricorrere a prodotti o trattamenti che, a lungo andare, potrebbero risultare troppo aggressivi e rovinare il box doccia.

In fase di produzione, i vetri anticalcare vengono sottoposti a specifici trattamenti che contrastano la  formazione di aloni di calcare nella doccia, ma anche di incrostazioni di saponi o detergenti.

I produttori adottano diverse tipologie di rivestimento, ma lo scopo ultimo è impedire che il vetro doccia si macchi senza che la patina protettiva sia visibile: il box doccia, in estrema sintesi, diventa idrorepellente e impermeabile, e la conseguenza diretta è che anche la pulizia diventa più rapida, semplice ed efficace.

Il consiglio, nel caso in cui si decida di investire su un vetro doccia anticalcare, è di pulirlo utilizzando un panno morbido e detergenti non troppo aggressivi, che potrebbero intaccare il rivestimento e renderlo inefficace.