Quanto costa ristrutturare il bagno?

La ristrutturazione del bagno è un intervento che tutti, prima o poi, devono affrontare e il pensiero, come è normale che sia, va subito ai costi. Sui motori di ricerca uno dei quesiti più digitati è proprio "costo ristrutturazione bagno".

Nonostante ciò, non si possono trovare risposte univoche a questa domanda. Il costo della ristrutturazione della stanza da bagno è soggetto a numerose variabili che non permettono di stabilire in assoluto quanto sia necessario stanziare. Gli elementi in gioco sono davvero molti: metratura, materiali utilizzati, scelta dei sanitari, rivestimenti, finiture, luci, specchi e così via. Il costo, poi, dipende anche dal budget che hai a disposizione.

Come prima cosa è bene capire quali sono i fattori che fanno alzare o abbassare il prezzo dell'intervento.

 

Quali sono le variabili che incidono sul costo della ristrutturazione del bagno?

Scopriamo quali sono gli elementi che incidono maggiormente sul costo totale della ristrutturazione.

Cominciamo col porci alcune domande:

  • Devo rifare completamente il bagno?
  • Devo demolire e smaltire il vecchio?
  • Devo semplicemente cambiare l'arredo e dare una rinfrescata all'ambiente?
  • Devo intervenire anche sull'impianto idraulico e/o elettrico?
  • Quanto è grande il mio bagno?
  • Che tipo di stanza desidero?
  • Utilizzerò finiture standard o di pregio?

La risposta a ciascuna di queste domande inciderà in maniera decisiva sul costo finale del lavoro ed è importante chiarirsi le idee fin da subito.

 

Ristrutturare un bagno: esempio di costi

Affermare che il costo per ristrutturare un bagno può variare da 3000 a oltre 10.000 euro potrebbe non aiutare molto chi sta cercando informazioni a riguardo. Il range di prezzo è infatti molto ampio. Riteniamo quindi più utile riportare un esempio concreto. Prendiamo in considerazione, per ipotesi, un bagno da ristrutturare completamente di circa 6 metri quadri, che doteremo di finiture standard.

I lavori di ristrutturazione, indicativamente, comprenderanno:

  • La demolizione del vecchio bagno
  • La ristrutturazione dell'impianto idraulico
  • La ristrutturazione del massetto
  • La posa delle piastrelle e dei rivestimenti
  • L'installazione dei nuovi sanitari
  • Il montaggio dei complementi d'arredo quali mobiletti, specchi, mensole ecc.

Scegliendo finiture e materiali standard, il costo di ristrutturazione di un bagno di 6 mq si aggira intorno ai 5.000 euro. Ovviamente, i prezzi salgono qualora si preferiscano materiali pregiati o complementi d'arredo di design.

 

I costi della ristrutturazione del bagno possono essere detratti con il bonus ristrutturazione?

Nel caso in cui il rifacimento sia totale e comprenda anche il rinnovamento degli impianti (tubature, impianto idraulico, elettrico ecc.) può essere richiesta la detrazione fiscale relativa al bonus ristrutturazione.

Si può usufruirne * se e solo se i lavori rientrano nella categoria degli interventi di manutenzione straordinaria. Qualora, ad esempio, tu debba sostituire i sanitari o la rubinetteria (ma la sostituzione non sia strettamente necessaria) non potrai usufruire del bonus.

Questo permetterebbe di detrarre dall’Irpef il 50% delle spese sostenute per la riqualificazione della casa. Considerato che il limite massimo di spesa è di 96.000 euro per unità abitativa, la ristrutturazione completa del bagno rientra solitamente nel tetto massimo stabilito dalla manovra.

Per richiedere il bonus è necessario avere tutta la documentazione in regola, comunicare i dati catastali della casa in cui si intende ristrutturare il bagno e presentare i documenti e i pagamenti relativi ai lavori svolti.

Ristrutturare il bagno rispettando il proprio budget e soddisfando le proprie esigenze non è impossibile. L'importante è affidarsi a imprese e artigiani con la dovuta esperienza nel settore, così da potersi poi godere un ambiente confortevole, bello da vedere e che possa durare nel tempo.

 

*Fino al 31 dicembre 2020, escluse eventuali proroghe